Caricamento in corso...
Adulto
Adulti
Bambino
Bambini
Neonato
Neonati

TOUR ISLANDA "90°EST"

Durata:
15 Giorni , 14 Notti - Dal 10 al 24 AGOSTO
Dove andrai:
REYKJAVIK, ISLANDA
Informazioni viaggio

Scenografia – L’estate, per come la intendiamo noi, dura davvero poco in Islanda, appena una decina di settimane. Gli islandesi allora, più che su parametri meteorologici, scelgono di distinguere le stagioni sulla base di riferimenti astronomici. Le ore di luce nel corso della giornata, per esempio. La festa di San Giovanni, 24 giugno, detta Jóhnsmessa, con le sue 24 ore di luce è una specie di ferragosto. La loro “estate” luminosa, allora, inizia già a metà aprile, quando praticamente non diventa mai buio. Dalla parte opposta della loro “estate” c’è un giorno, il cui calendario varia ogni anno, in cui si può dire che l’estate (quella della luce) stia finendo. È quando l’oscurità torna ad essere sufficientemente intensa da attivare i sensori dei lampioni di Reykjavík. Succede intorno al 10 di agosto. Si accendono i lampioni verso le 11 di sera, e si spengono poche ore dopo, verso le 3 di mattina. C’è sempre qualcuno che vedendo i lampioni accesi per la prima volta dice sorridendo: “È finita…” Per noi mediterranei, invece, significa ancora venti ore di luce piena da spendere al meglio fra Altopiani e coste selvagge. Ogni tanto abbiamo anche visto l’aurora boreale, in questo periodo, ma fate pure finta che non ve l’abbiamo detto.

COLPO D'OCCHIO SUL VIAGGIO

Il tour in Islanda inizia con alcune fra le località più conosciute: una passeggiata nel Parco Nazionale di Þingvellir, una sosta ai geyser di Strokkur e alla cascata di Gullfoss. Ci addentriamo poi nel corridoio desertico di Kjölur verso Nord fino al Lago Mývatn. In questa zona si concentrano imponenti fenomeni vulcanici: gli pseudocrateri di Skútustaðir, proprio in riva al lago, il vulcano Hverfell e le pozze di fango bollente. Non lontano dal lago si trova il Parco Nazionale di Jökulsárgljúfur con Dettifoss, la più imponente cascata d’Europa. Un paesaggio desertico multicolore ospita forme e ambienti che si susseguono come le sale di un museo fino alle pendici del vulcano Askja. Qui sostiamo per due giorni per un’escursione fra le recenti colate di basalto nella grande caldera di Askja, per un bagno nel lago caldo del cratere di Viti, e per una corsa automobilistica nel deserto di sabbia nera fino alle insidiose sorgenti del torrente Jökulsá á Fjöllum. Una pista poco frequentata ci porta negli altopiani orientali ove ci attendono una piccola cascata di acqua bollente nella valle di Fljótsdalur, uno dei più profondi ed estesi canyon d’Europa e l’ambiente in cui è ambientato “Gente Indipendente”, il capolavoro di narrativa contemporanea che è valso il Premio Nobel allo scrittore islandese Halldór Laxness. Il nostro percorso verso est ci porta poi sull’oceano, nel piccolo villaggio di Borgarfjörður, e da qui verso la costa meridionale. Lungo il percorso incontriamo Fossardalur, la “Valle delle cascate“, un’oasi di pace, silenzio e suggestione che merita una sosta. Percorriamo poi il tratto più spettacolare di tutta la Ring Road per fermarci due giorni alla Laguna degli Iceberg di Jökulsárlón e al Parco Nazionale di Skaftafell. Una delle piste più belle d’Islanda ci riporta all’interno, nella regione di Landmannalaugar attraverso la valle di Eldgja. Avremo due giorni e due notti per goderci i colori di Landmannalaugar e le sue acque calde. Per le ore di riposo una casa di legno tutta per noi.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI:

SCARICA IL PROGRAMMA DETTAGLIATO

VISITA IL SITO DI 90° EST

Data di partenza
10/08/2024 - 24/08/2024
Data di partenza
10/08/2024 - 24/08/2024
AGO
2024
10 Sabato
a partire da:
4.860,00 €
Durata:
15 Giorni , 14 Notti - Dal 10 al 24 AGOSTO
Dove andrai:
REYKJAVIK, ISLANDA
Informazioni viaggio

Scenografia – L’estate, per come la intendiamo noi, dura davvero poco in Islanda, appena una decina di settimane. Gli islandesi allora, più che su parametri meteorologici, scelgono di distinguere le stagioni sulla base di riferimenti astronomici. Le ore di luce nel corso della giornata, per esempio. La festa di San Giovanni, 24 giugno, detta Jóhnsmessa, con le sue 24 ore di luce è una specie di ferragosto. La loro “estate” luminosa, allora, inizia già a metà aprile, quando praticamente non diventa mai buio. Dalla parte opposta della loro “estate” c’è un giorno, il cui calendario varia ogni anno, in cui si può dire che l’estate (quella della luce) stia finendo. È quando l’oscurità torna ad essere sufficientemente intensa da attivare i sensori dei lampioni di Reykjavík. Succede intorno al 10 di agosto. Si accendono i lampioni verso le 11 di sera, e si spengono poche ore dopo, verso le 3 di mattina. C’è sempre qualcuno che vedendo i lampioni accesi per la prima volta dice sorridendo: “È finita…” Per noi mediterranei, invece, significa ancora venti ore di luce piena da spendere al meglio fra Altopiani e coste selvagge. Ogni tanto abbiamo anche visto l’aurora boreale, in questo periodo, ma fate pure finta che non ve l’abbiamo detto.

COLPO D'OCCHIO SUL VIAGGIO

Il tour in Islanda inizia con alcune fra le località più conosciute: una passeggiata nel Parco Nazionale di Þingvellir, una sosta ai geyser di Strokkur e alla cascata di Gullfoss. Ci addentriamo poi nel corridoio desertico di Kjölur verso Nord fino al Lago Mývatn. In questa zona si concentrano imponenti fenomeni vulcanici: gli pseudocrateri di Skútustaðir, proprio in riva al lago, il vulcano Hverfell e le pozze di fango bollente. Non lontano dal lago si trova il Parco Nazionale di Jökulsárgljúfur con Dettifoss, la più imponente cascata d’Europa. Un paesaggio desertico multicolore ospita forme e ambienti che si susseguono come le sale di un museo fino alle pendici del vulcano Askja. Qui sostiamo per due giorni per un’escursione fra le recenti colate di basalto nella grande caldera di Askja, per un bagno nel lago caldo del cratere di Viti, e per una corsa automobilistica nel deserto di sabbia nera fino alle insidiose sorgenti del torrente Jökulsá á Fjöllum. Una pista poco frequentata ci porta negli altopiani orientali ove ci attendono una piccola cascata di acqua bollente nella valle di Fljótsdalur, uno dei più profondi ed estesi canyon d’Europa e l’ambiente in cui è ambientato “Gente Indipendente”, il capolavoro di narrativa contemporanea che è valso il Premio Nobel allo scrittore islandese Halldór Laxness. Il nostro percorso verso est ci porta poi sull’oceano, nel piccolo villaggio di Borgarfjörður, e da qui verso la costa meridionale. Lungo il percorso incontriamo Fossardalur, la “Valle delle cascate“, un’oasi di pace, silenzio e suggestione che merita una sosta. Percorriamo poi il tratto più spettacolare di tutta la Ring Road per fermarci due giorni alla Laguna degli Iceberg di Jökulsárlón e al Parco Nazionale di Skaftafell. Una delle piste più belle d’Islanda ci riporta all’interno, nella regione di Landmannalaugar attraverso la valle di Eldgja. Avremo due giorni e due notti per goderci i colori di Landmannalaugar e le sue acque calde. Per le ore di riposo una casa di legno tutta per noi.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI:

SCARICA IL PROGRAMMA DETTAGLIATO

VISITA IL SITO DI 90° EST

TOUR ISLANDA "90°EST"
10/08/2024 - 24/08/2024
Partecipanti
1 Adulto
Partecipanti
1 Adulto
Adulti oltre i 13 anni compiuti
Bambini da 2 a 12 anni compreso
Bambini fino a 1 anni compreso
Camere
-
1
+
Camera 1
Non esiste nessuna sistemazione disponibile per la composizione scelta. Modificare la composizione dei partecipanti.
Inserire l'età del bambino.
Adulti
-
1
+
Bambini
-
0
+
Camera 0
Non esiste nessuna sistemazione disponibile per la composizione scelta. Modificare la composizione dei partecipanti.
Inserire l'età del bambino.
Adulti
-
1
+
Bambini
-
0
+
Conferma
Sistemazione
Sistemazione
Camera %index%
Tipologia camera
Trattamento camera
Conferma
Scelta posto
Scelta posto
Clicca su Seleziona posto e scegli dove sederti.
(se salti questo passaggio il tuo posto ti sarà assegnato e comunicato da un nostro operatore il prima possibile)
A PARTIRE DA:
4.860,00 €
Vedi disponibilità
A PARTIRE DA:
4.860,00 €
Vedi disponibilità
A PARTIRE DA:
4.860,00 €